Come spesso accade, le cose prendono forma da semplici idee, per forgiarsi attraverso situazioni, casualità e circostanze le più varie; tale è stato anche il percorso di vita del Caterina Ensemble, nato dal desiderio di un piccolo gruppo di amici che, nell’autunno del 2009, hanno deciso di fare della comune passione per il repertorio corale antico un progetto musicale concreto.

Le prime prove nella chiesa di Santa Caterina

Fu così che – grazie anche alla disponibilità di Don Roberto Ravazzolo, che fin dall’inizio ospitò le nostre prove presso la bellissima chiesa di Santa Caterina, a cui è ispirato il nome dell’ensemble- iniziò il percorso di studio, confronto e passione musicale che ha portato il nucleo iniziale di coristi da 3 a 5, per poi aumentare fino all’attuale formazione di circa 16 coristi, tra i quali molti giovani diplomati cantanti e musicisti.

Con il graduale e progressivo ampliamento dell’organico la direzione musicale, inizialmente affidata ad Alberto Bolzonella, lui stesso cantore del Caterina Ensemble nonché direttore del Coro del CAI di Padova, è stata nel 2011 demandata al M° Ignazio Vazzoler, e dal 2012 al 2015 al M° Dino Zambello, già apprezzato docente e stimatissimo direttore di coro, in particolare del Coro Città di Padova e, prima, del Coro Verdi. Dalla primavera del 2015 la direzione musicale ed artistica del Caterina Ensemble è stata affidata al M° Alessandro Kirschner, affermato musicista, docente, direttore e compositore, apprezzato e riconosciuto anche a livello internazionale.

Dalla sua costituzione e per i primi anni di vita il gruppo si è perlopiù incentrato su autori del periodo rinascimentale quali Thomas Luis De Victoria, Josquin Desprèz, Giovanni Pierluigi da Palestrina, Andrea Gabrieli, Claudio Monteverdi, Michael Praetorius ed altri. Repertorio mai completamente abbandonato ed, anzi, oggetto di costante valorizzazione. Ancorché l’esecuzione dei testi di tale periodo sia prevalentemente a cappella, alla linea vocale viene occasionalmente affiancato l’apporto strumentale, ad esempio della viola da gamba, del flauto o dell’organo, ripercorrendo consuetudini musicali del tempo.
Nel 2012 è nata la collaborazione con l’orchestra da camera Società Musicale con la quale, sotto la direzione del M° Carlos Gubert, sono stati eseguiti vari brani e cantate del periodo barocco classico prevalentemente di Johann Sebastian Bach, nonché di altri autori dello stesso periodo quali Georg Philipp Telemann, Johann Kuhnau, George Frideric Handel, Francesco Durante, Antonio Vivaldi.

Oltre che a composizioni del ‘500-‘600 e del periodo barocco l’esperienza dell’ensemble si è estesa poi ad alcuni testi medievali dei Carmina Burana, eseguiti in occasione di una produzione multidisciplinare, grandemente apprezzata dal pubblico, realizzata in collaborazione con gli strumentisti dell’Experidys Ensemble che utilizzano strumenti e prassi esecutive del tempo e con la partecipazione dei ballerini di Danzar Cortese, gruppo di ballo specializzato nella danza antica.

Attualmente, il repertorio dell’ensemble spazia dal Rinascimento al Barocco approfondendo le problematiche estetiche e lo stile esecutivo relativi a questi periodi storici. Ciò anche grazie all’importante apporto artistico derivante dalla collaborazione, in anni più recenti, con affermati musicisti ed ensemble strumentali tra i quali Roberto Loreggian ed il ConSerto Musico, Giammichele Costantin, Le Viole di Orfeo.

In novembre 2014 il Caterina Ensemble ha collaborato per la prima volta come “coro-laboratorio” nell’ambito dell’Accademia di direzione corale “Piergiorgio Righele” organizzata dall’ASAC-Associazione per lo Sviluppo delle Attività Corali del Veneto; in tale occasione il gruppo ha avuto l’opportunità di approfondire ulteriormente il repertorio rinascimentale con la guida di uno specialista del settore quale il M° Marco Berrini.

Il successo dell’iniziativa, sia per il Caterina Ensemble che da parte degli aspiranti direttori di coro, ha fatto sì che l’esperienza fosse successivamente ripetuta approfondendo il repertorio del ‘6-700 con il M° Luigi Marzola, nel febbraio 2016, e con il M° Francesco Erle, nel febbraio 2017.

L’apprezzamento del pubblico per le proposte musicali del gruppo, accolte sempre molto calorosamente, e la passione di fare musica insieme che anima ciascun corista costituiscono lo stimolo per il Caterina Ensemble a proseguire nel percorso di crescita artistica con sempre maggiore entusiasmo.